Gruppi di Supervisione 2017-12-06T18:30:24+00:00

Gruppi di Supervisione

Gruppi di supervisione e formazioneI Gruppi di Supervisione proposti dal Centro Paul Lemoine sono uno strumento di formazione indicato per superare, nell’ambito della propria attività lavorativa, il difficile rapportarsi con il collega, con gli utenti, coi pazienti o con le proprie istituzioni ma anche per migliorare le proprie prestazioni lavorative nell’ambito di ogni tipo di attività. Questi gruppi sono accessibili non solo a chi svolge attività nel sociale come medici, psicologi, operatori, insegnanti ma per tutti coloro che operano a contatto con il pubblico.

I gruppi sono formati da un numero minimo di 5 persone fino a un massimo di 11.  Sono gruppi aperti, perché il percorso è individuale, per cui ciascun membro può andarsene in qualsiasi momento ritenga di avere completato il suo percorso e in qualsiasi momento può entrare un nuovo membro. Le sedute hanno una durata di circa un’ora. Si possono prevedere nell’ arco della stessa giornata più sedute.

Il dispositivo utilizzato è lo psicodramma e l’oggetto del gruppo è l’elemento di criticità che i partecipanti incontrato nel corso della propria attività lavorativa. Ad esempio nel caso di uno psicoterapeuta può essere un caso clinico particolarmente complesso, per un manager o un impiegato aziendale può essere una difficile relazione con il collega, o un disagio nei confronti della istituzione di appartenenza. I gruppi sono condotti da due terapeuti, un’animatore ed un’osservatore. Uno di essi anima facendo circolare il discorso e scegliendo quale scena far rappresentare ad uno dei partecipanti del gruppo, che a sua volta invita gli altri membri del gruppo a rappresentare le figure attorno a cui ruota la sua storia (gioco psicodrammatico). L ’altro terapeuta in un attento ascolto analitico rimanda ai partecipanti, alla fine, i significanti emersi. Il gruppo di supervisione lavora per far emergere gradualmente quei “punti critici” che impediscono di porsi in modo efficace e costruttivo in relazione con l’altro.

L’impianto teorico è lacaniano secondo cui tutte le formazioni dell’inconscio hanno struttura di linguaggio, il soggetto non ha sempre accesso alla comprensione poiché si tratta di un linguaggio cifrato, da decodificare ma lo interessa perché trasporta la sua questione.

I gruppi di supervisione sono a pagamento. Tutti gli interessati sono pregati di rivolgersi alle conduttrici del gruppo compilando il form in basso (Nome, cognome, titolo di studio, attività lavorativa o di tirocinio). Verrano inseriti in una lista – ovviamente non vincolante – di persone interessate, tramite la quale verranno comunicate le date in cui si terrà il corso (si prevede come prima data il 27 gennaio 2018).  A condurre i gruppi saranno la dottoressa Stefania Torrasi e Claudia Lo Verso, nella sede di Palermo, e la dottoressa Fabiola Fortuna a Roma.

Scegli la sede in cui frequentare il gruppo*

Accettazione Informativa Privacy* (Leggi l'informativa)